venerdì 23 marzo 2012

fuori programma



Doveva essere una cena tranquilla a casa della mia amica Cinzia.
Vellutata di zucchine e omelette con cuore di bufala e crema di piselli.
La piccola Silvia prima di andare a letto mi aveva consegnato il ritratto di littlefish e un po’ mi ero commossa guardando quel bambino creato dalla sua fantasia.

Sono circa le 22.
Prima di mangiare il dolce mi alzo per andare in bagno.
Due secondi di pipì e poi sento le acque, inequivocabili, scendere in picchiata.
“Noo, non mi vaaaaa!” E’ la prima cosa che esclamo.
Mi rendo conto che il countdown è partito.. che non posso andare di là, mangiare la mia fetta di torta e tornarmene a casa a dormire.
Chiamo Daniele.
“Guarda, sono scuuure!” Lui cerca di tranquillizzarmi “ma no.. appena”
Ci raggiunge Cinzia “Forse hai solo perso il tappo mucoso”
Arriva un’altra ondata…macché tappo mucoso! E’ ufficiale: mi si sono rotte le acque.
Devo andare in ospedale.. cacchio la valigia.. ehm, sì è quasi pronta.
Riaffiorano le parole dell’ostetrica al corso preparto “Acque chiare: fatevi una tisana, una doccia e poi con calma venite in ospedale. Acque scure o sangue: venite subito”
Subito, d’accordo.. prima però voglio farmi controllare il collo dell’utero nel pronto soccorso più vicino.

Cinque minuti dopo sono già al reparto di ginecologia.
Il medico di turno mi visita, dice che il collo è ancora chiuso. Mi fa fare un monitoraggio.
Scrivo un sms a Claravu.
Mi chiama Cinzia, è agitata.. vuole sapere cosa mi hanno detto.

Torna l’ostetrica. Dice che devo continuare il monitoraggio poiché il bambino si è addormentato.
Uff  ma è passata quasi un’ora. 
Chiamo il mio ginecologo per informarlo della situazione. “Ma che fa ancora lì?”
Giusto, che ci faccio?
Chiamo il personale medico e dico che ho fretta di raggiungere il mio ospedale, che firmo
quello che vogliono ma che devo uscire da lì.

Bisogna passare da casa per prendere la valigia.
Non posso muovermi dal sedile reclinato della macchina. Ogni piccolo spostamento genera le cascate di Iguazù, perciò tocca a Daniele entrare in casa e cercare le ultime cose da mettere in valigia.
Collegati tramite cellulare, lo guido come in un format televisivo alla ricerca degli oggetti mancanti.
Dieci minuti dopo è di ritorno con due valigie: una per me , una per littlefish.

“Chiama tua madre” mi dice mentre mette in moto.
“EEh? Perché? No, non mi va.. poi magari non dorme tutta la notte. Che senso ha? La chiamo domattina”
“Allora chiama tuo fratello!”
“Uff no.. non mi va di sentire nessuno, è ancora presto per dare notizie. Aspettiamo di arrivare in ospedale”
Lui pare assecondarmi e invece inserisce l’auricolare e chiama mio fratello.
Poco dopo, ovviamente, mi chiama al cellulare mia madre.
La tranquillizzo“Tutto bene.. adesso non stare sveglia tutta la notte eh?”

In 35 minuti arriviamo a destinazione.
Ci fanno accomodare in una stanzetta unmetroperdue. La dottoressa che mi visita non ha una bella espressione. Bisbiglia qualcosa alle colleghe e poi se ne va.
Mentre l’ostetrica di turno mi sistema sull’addome le sonde del cardiotografo, entra una tizia a chiedermi a che ora ho finito di mangiare.
“Alle 10”
“Cosa ha mangiato?”
“Vellutata di zucchine e omelette con piselli”
“Ecco perché il bambino ha fatto la cacca!”
Immagino che stia scherzando, eppure comincio a pensare seriamente che littlefish dopo 9 mesi di zucchine non ne potesse più.
Entra una dottoressa accompagnata da altre due ragazze “Allora, signora è pronta ad andare in sala?”
Ha uno sguardo strano. Sorride come se mi stesse invitando a prendere un caffè.
“In sala dove? Tipo cesareo?”
La dottoressa ride “Sì, sì tipo cesareo”
Gasp! Mi sembrava, in effetti, fosse quella l’aria.
Arriva il mio ginecologo. Dà un’occhiata al tracciato e conferma la necessità di un cesareo d’urgenza perché il bambino sta andando in sofferenza.
Va bene, non c’è mica da agitarsi se tra mezzora mi troverò con le budella di fuori… la cosa importante è che littlefish non soffra.
Mi dispiace solo che Daniele non possa assistere al parto, aveva studiato così tanto!
L’avevo istruito su tutto quello che non bisogna dire a una donna che sta partorendo, minacciando di cacciarlo dalla sala travaglio se si fosse sbagliato ;-)

Entrano due infermieri.
Devono farmi al volo un ECG ed io anziché preoccuparmi delle mie tette prossime al vento, mi imbarazzo per la t-shirt di Homer Simpson che ho sotto il maglione.



Dopo il tracciato, una ragazza armata di rasoio mi prepara per l’intervento.
Esco nel corridoio, saluto Daniele da sotto le coperte. Non è la prima volta che mi vede entrare in sala operatoria.

Ecco ci siamo. In sala è tutto pronto. L’anestesista sta per effettuare la spinale.
“Sentirà un formicolio nelle gambe” mi dice.
Qualche minuto dopo arrivano le formiche, di seguito non sento più le gambe.
 “Ok” dico tra me “Potete partire”.
Sono abbastanza tranquilla, se non altro perché dall’altra parte del telo c’è il mio ginecologo.
Mi sento in buone mani.
Eppure l’opzione cesareo mi ha colto di sorpresa.
Mmmh.. non so una cippa di come avvenga quest’intervento.. ed io sono una che passa al setaccio il web prima di fare qualsiasi cosa!
Beh, è inutile pensarci ora.. cerchiamo di rilassarci.
Me ne sto a pancia aperta seguendo attentamente i discorsi del mio medico e dell’ostetrica. Cerco di captare un dettaglio che mi faccia capire a che punto siamo.
Quando avverto la mia pancia scollarsi di colpo dal resto del corpo, littlefish è già fuori a emettere il suo delicatissimo “uaa”.
Ok, è fatta. Ce l’abbiamo fatta.

Intanto quei due là dietro il tendone continuano a ravanarmi dentro.
Non mi sento tanto bene. Ma come.. non sono anestetizzata?
Mmmh mi sto un po’ agitando.. accidenti non dovrei sentire male.
Ehi, laggiù qualcuno venga ad aumentarmi la dose di camomilla!
Arriva l’anestesista, mi spara giù qualcosa di forte e poi dice alle colleghe “Portateglielo per farla distrarre”
E’ così che mi trovo faccia a faccia con littlefish.
 “Ciao” è la prima cosa spontanea che mi viene da dirgli.
Lo guardo.
“Le dia un bacetto” mi dice l’ostetrica che lo tiene in braccio.
Le mie labbra si posano su quella guancia nuova di zecca. Quanto è morbida!
“Adesso lo portiamo via, perché qui fa freddo, va bene?”
Va bene, va bene.. che qui mica abbiamo finito ancora.
Guardo a sinistra. Riflessi sulla parete scorgo medico e ostetrica mentre mi risistemano dentro i pezzi.
Mi cade l’occhio su un asciugamano bianco. E’ completamente insanguinato. 
Ok, mi giro dall’altra parte.. è meglio.

Finalmente fuori, nel corridoio che porta al reparto di ginecologia, incontro Daniele.
Lui ha il sole negli occhi “Tesoro, hai fatto un capolavoro!”
“Ah, l’hai visto?”
Mi dice che l’hanno già portato nella nursery, che lo terranno un paio d’ore nella culla termica.
Quando arrivo in camera sono esausta e tremo dal freddo. So che la nottata sarà lunga e difficile.

Quello che non so è che Daniele è ancora lì davanti al vetro della nursery.
E da solo, mentre tutti dormono, si guarda quel capolavoro.





24 commenti:

maggie ha detto...

mamma mia che emozione!!
mannaggia per il cesareo, spero che non sia stato troppo un trauma per te e soprattutto che il recupero non sia stato duro. sono contenta che almeno non ti abbiano addormentata del tutto. ma cos'è successo con l'anestesia, non ha funzionato bene?? ahhhhh

Silvia Pareschi ha detto...

Uh, mi ero assentata per un po', e adesso torno e cosa vedo? Meraviglia!!!! Che bello, che bellissimo!!! Evviva!!!

Babi ha detto...

tantissimi auguroni, mi sono emozionata!!!ora inzia la nuova avventura...che bello!!!

Nora ha detto...

Non importa "come" sia venuto al mondo, l'importante è che Littlefish sia fra le vostre braccia... bel cucciolotto di zia!

Clara V ha detto...

Che bello, che lacrimuccia! Grazie per averlo condiviso

Ilaria Pedra ha detto...

ohh bellissimo brividi brividi brividi per il tuo racconto molto emozionante. baci

Margherita ha detto...

Aggiungo anche i miei auguri! Il cesareo d'urgenza è meno peggio del previsto, anche se i giorni successivi qualunque movimento è impossibile ;) Sei forte, e littlefish è una meraviglia!

frida ha detto...

Alessia brividi e commozione a leggere della nascita di littlefish!
aveva proprio fretta di conoscervi!

BiancaneveRossa ha detto...

Noooo che emozione! mi sono scese le lacrime ed ho fatto un salto indietro nel tempo. I miei due bimbi sono nati entrambi con cesareo d'urgenza ...ma alla 32°+5.(a distanza di quasi due anni uno dall'altro). Ricordo bene tutti i passaggi della sala operatoria...io avevo chiesto alla mia gine di girare la lampada scialitica per non vedere..sarei svenuta! Che bello quando ti fanno vedere il cucciolo...ho rivissuto tutto assieme a te. L'unico problema per i miei è stato un ricovero di un mese per ciascuno a causa dei polmoni non ancora ben sviluppati. Ma tutto è andato a postissimo! e ora sono dei giganti nel vero senso della parola.
Ti faccio un milione di auguri, ti vorrei abbracciare e stringere forte perchè in questo momento te lo meriti un forte abbraccio!anche se non ci conosciamo personalmente....ma una neomamma è sempre una neomamma! Da oggi lo status di mamma sarà quello tuo principale. AUGURI

BiancaneveRossa ha detto...

PS ora dovrai cambiare il nome del blog in ERO INCINTA, ORA SONO MAMMA!

Mammola ha detto...

Mi hai commossa fino alle lacrime...CONGRATULAZIONI!!!!! E da qua in poi, Buona Vita a voi tre...ti abbraccio forte!!!!

Eva ha detto...

Non ti conosco, sono finita oggi sul tuo blog per caso, ma il tuo racconto mi ha commossa, complimenti, hai dato al mondo un capolavoro! Io ho appena iniziato il cammino della PMA e spero prima o poi di farcela anch'io!

sfollicolatamente ha detto...

Bentornata Alessia!
Grazie di aver condiviso il tuo racconto, davvero emozionante si si si!
Cacchio il dettaglio dell'asciugamano poi rende davvero l'idea O_o
Pensa che una mia amica che ha partorito recentemente ha dovuto fare pure l'anestesia generale perche' dopo la spinale, se le pizzicavano le gambe, sentiva ancora tutto, odddioooo
Dai ne e' valsa la pena neh!
Pero' quando dicono che il trauma del parto si dimentica, io mi metto a ridere, io non dimentico!!

Brioscina ha detto...

Che emozione immagino la paura che hai avuto, ma anche la gioia nell'avere little fish. Ancora auguri!

Jenisha Volare Liberi ha detto...

Ci ho pianto a leggerti:-) E vedere la foto di Little fish in culletta termica, mi ha fatto tenerezza, amore... mamma mia teso sei stata grandiosa.-))

allafinearrivamamma ha detto...

....Mi hai fatto tanto piangere...mi sono tanto immedesimata....

alessia ha detto...

@ maggie mi avevano avvertito che finché dentro la pancia ci fosse stato il bambino, la dose doveva essere leggera. Forse però era un po' troooppo leggera!

@Silvia Pareschi
grazie..visto che sorpresa?

@ Babi
Eh già che avventura.. sono stata catapultata in un altro mondo ;-)

@ O mi raccomando adesso non ti impressionare neh?? Vedrai andrà tutto ok :)))))))))))))
Così potrai dire presto "Ce l'ho fatta!"

@ClaraV Ehm ehm sai com'è.. sei l'unica a cui ho scritto quella sera :-)

@Ilaria Pedra
un grazie speciale e un abbraccio fortissimo perché.. beh perché te lo meriti per enne motivi :-)

@Margherita
I primi giorni sono un incubo.. non ti puoi davvero muovere dal dolore ma il mio ospedale effettua il rooming in e le ostetriche te lo lasciano pure se stai stramazzando a terra

@Frida
E meno male che littlefish ha rotto le acque! Insomma quando c'è il meconio nel liquido bisogna scappare ;-)

@BiancaneveRossa
Grazie per avermi raccontato la tua esperienza e sono felice che alla fine tutto sia andato bene!
Chissà se anche il mio diventerà un gigante.. In fondo è nato di 54 cm :-)

PS Per il blog.. ci saranno novità ceeeerto ;-)

@Mammola
OOOh grazie ma così mi commuovo anch'io... :-)

@Eva
ooooooh allora un incrocio speciale per te. Spero di avere presto buone notizie

@Sfollicolatamente
Beh ce l'ho fatta dopo un mese caspita che lumaca!
Ah ah la tua amica ecco i toui soliti racconti splatter alla happytreefriends! Oppure è l'ultimo libro di A. Riley "Grandi bugie da raccontare a piccole partorienti"?

@Brioscina
Beh a dir la verità proprio paurapaura nn ne ho avuta.. ma solo perchè è successo tutto così velocemente che nn ho fatto in tempo ;-)

@Jenisha
Eh già.. è strano vederlo in foto e pensare che ha solo mezzora di vita!

@allafinearrivamamma
ti aspettavo sai...?
ti penso e spero sempre che.. :-)

Owl ha detto...

Tardi ma sono arrivata anch'io.
Mi hai fatto tornare su tanti ricordi. E tante lacrime.

Come state andando?

alessia ha detto...

@ Owl
come dice sfolli, il parto mica si dimentica neh!
(ho risp anche di là)

Laura ha detto...

Ciao ero già passata di qui ma dopo questo racconto ho deciso di restare...mi hai riportato alla mente il mio parto e mi hai commossa, non so qua sia stato il percorso di Littlefish a sono contenta che ci sia. . Un abbraccio

Dammi la manina ha detto...

Caspita per un momento mi sono impressionata.. la scena dell'asciugamano è davvero pulp!
Sono contenta che sia andato tutto bene.
Un bacione a tutti e due!

alessia ha detto...

@Laura Grazie..significa che adesso littlefish avrà un'altra blogzia ;-)

@@Dammi la manina
Eheh ..era un po' modelloTarantino è vero :-D

Clara ha detto...

Che meraviglia lui, Littlefish, e che grandiosa tu! Il tocco dei Simpson poi :-))))))))))

lina ha detto...

Ale mannaggia a te...mi hai fatto piangere...ke belle emozioni...anke se dovro' aspettare ancora un po'...Martedi' avro' la prima ecografia,e anke se qst e' la 2° gravidanza sembra sempre la prima volta...Ke angioletto il tuo piccolino...Tenero tenero...Baci baci